A caccia del trofeo dei sogni

In compagnia del nuovo proiettile BONDSTRIKE di Norma e di un amico, Staffan Johansson è andato a caccia del maestoso cervo rosso. Questa è la storia di una grande sfida.

L’aria è fresca quando il sole sorge e si fa lentamente strada tra le cime degli alberi. È metà dicembre, la temperatura è leggermente sotto lo zero, e le foglie a terra scricchiolano a causa della brina. Io e il mio amico Klas ci siamo recati nei boschi per cercare un po’ di selvaggina. Questi boschi sono noti per ospitare daini e cinghiali, ma anche per una discreta quantità di cervi rossi. Abbiamo in mente uno specifico maschio di cervo rosso che è stato avvistato durante l’autunno e che si è sempre allontanato. L’imponente cervo rosso è stato oggetto di fascino e misticismo per me e per molti altri, e quindi una sorta di trofeo da sogno.

Precisione dalle lunghe distanze

Ben consapevoli del difficile compito che ci attende, i nostri fucili vengono caricati con una nuova munizione proveniente dalla fabbrica Norma di Åmotfors. Sono uno dei pochi a cui è stato concesso di provare la nuova palla della serie STRIKE, la BONDSTRIKE a punta blu. Dopo la TIPSTRIKE e la ECOSTRIKE, questa è la terza palla della serie. La precisione è impeccabile e il proiettile funziona perfettamente con il mio fucile.

Le tracce sono fresche

All’improvviso lo sentiamo... uno scricchiolio proveniente da un punto sopra di noi. È il nostro cervo rosso? Gli scricchiolii continuano e siamo abbastanza fortunati da trovare un punto con del muschio che ci consente di non fare rumore. È evidente che non si tratta di un solo animale. Klas prende il binocolo e trattiene il respiro. Vede qualcosa. Congelata come una statua, c’è una femmina di cervo rosso che ci guarda dritto negli occhi. È scura e non è facile distinguerla nella foresta circostante, ma è proprio lì. E poi sparisce di nuovo in un batter d’occhio. Poco dopo, una sfilata di daini passa davanti ai nostri occhi. Un momento magico.

Ci accovacciamo e ci muoviamo

La sospettosa cerva è sparita da tempo, ma abbiamo trovato il percorso della selvaggina in questi boschi. Seguiamo le tracce fresche e ci troviamo a salire costantemente, con la speranza di lasciare che i daini ci guidino verso altra selvaggina. Il nostro presentimento è che il cervo rosso potrebbe essere passato lungo lo stesso percorso un po’ prima. A metà della cresta vedo qualcosa che mi lascia di pietra. Qualcosa di marrone si muove un po’ più avanti. Un altro daino? No, questo è un tipo di marrone diverso. Klas riprende il binocolo e si accorge che c’è un piccolo gruppo di cervi rossi. Mentre mi avvicino di soppiatto al mio telemetro, è improvvisamente lì. Il cervo rosso maschio, quello che sognavo. Forse non con le corna più grandi, ma con un corpo robusto e maestoso. Lo guardiamo scomparire tra gli abeti. Klas conosce questi boschi meglio di me e prende il comando mentre ci affrettiamo a salire. Accovacciati e in movimento, iniziamo una ripida discesa attraverso la fitta foresta. Si è rivelata la mossa giusta. Uno dopo l’altro, li vediamo apparire in lontananza. Si comportano come se avessero percepito la nostra presenza, muovendosi irrequieti con occhi e orecchie all’erta. Il maschio di cervo rosso non è tra loro. L’abbiamo perso? Ha preso un’altra strada? La frequenza cardiaca aumenta. Stimare la distanza è difficile qui fuori, ma imposto i 200 metri sulla mia torretta balistica per essere pronto se si presenta l’occasione. È passato un minuto. Ma sembrano dieci. Quando sul lato destro del mio campo visivo, intravedo con la coda dell’occhio un’immagine. Un’apparizione maestosa entra nella mia mira telescopica. È il cervo rosso maschio che stavamo cercando. Le chiazze di luce nel bosco scuro sono minime, e questa opportunità presto svanirà. Un attimo dopo, tutto va come deve andare.

La magia diventa realtà

Uno sparo! Sento il suono attutito di un colpo prima di capire se viene dal cervo. La distanza è troppo poca per dirlo. Carico un altro proiettile e guardo di nuovo nel mirino, ma vedo solo il cervo cadere. È una sensazione magica. Mentre ci avviciniamo al cervo, siamo curiosi di sapere dove il colpo lo ha raggiunto per produrre un impatto così potente. Vediamo che è stato colpito dietro la spalla. Contempliamo la scena per un po’; è un momento bellissimo. Non riusciamo a trovare il foro d’uscita, perché non c’è. Sento il proiettile sotto la pelle dietro l’altra spalla. La palla ha attraversato le costole su entrambi i lati e, pur non avendo attraversato il tessuto muscolare della spalla, ha sprigionato tutta la sua energia e si è espanso con forza.

Il ricordo di una vita

Più tardi, al mattatoio, capisco perché il cervo rosso è caduto così velocemente. Il danno agli organi vitali è notevole. Con un colpo al centro della spalla, probabilmente avremmo assistito a un maggior deterioramento della carne. Ma in questo caso è minimo. Tuttavia, l’impatto sul grande animale è stato potente. Il proiettile espanso è stato pesato a 9,3 grammi, con una ritenzione di peso proporzionale dell’80%.

Torniamo a casa solo con sensazioni positive. Ho impresso un altro vivo ricordo di caccia unico, e la BONDSTRIKE mi ha fatto sentire sicuro per tutta la durata dell’esperienza, nonostante la distanza di tiro un po’ lunga di 200 metri. La suspense, la natura e il finale euforico hanno reso l’avventura del cervo rosso un ricordo per tutta la vita, un ricordo reso ancora più prezioso dalla Norma BONDSTRIKE.

Pagine correlate